Gatti persiani: storia, curiosità e consigli

Adottare un gatto è una scelta d’amore, che darà una svolta gioiosa alla tua vita e regalerà grandi emozioni ad entrambi. Perché non scegliere un gatto persiano? Raffinato, elegante e socievole, una gatto di razza persiana è l’ideale per chi ama la tranquillità e la docilità in un felino. Scopriamo quindi come fare per accogliere in casa un cucciolo di persiano, approfondendo le sue caratteristiche fisiche, il comportamento e qualche curiosità.

Il gatto persiano: quando la classe non è acqua!

cuccioli gatti persianiSe conosci questa razza felina sai bene che non è come le altre. Si distingue già dal suo aspetto maestoso ed elegante, che lo rende la razza più pregiata nel mondo dei gatti. Già dal suo modo di camminare, così fiero, puoi renderti conto che questa razza possiede dei tratti particolari che non potranno non conquistarti.

La sua folta pelliccia non deve però trarre in inganno: l’agilità è una delle sue doti e saprà stupirti con la sua voglia di giocare tra un riposino e una coccola. E che dire del suo essere così docile? Amabile e coccolone, è un toccasana per quanti amano prendersi cura del proprio gatto e ricevere fusa in quantità.

Il gatto persiano è noto per la docilità del suo carattere. Cammina adagio adagio e non è solito distruggere tende e divani con le sue unghie solo per giocare o attirare l’attenzione. Ama le coccole e ricambia con momenti di grande affettuosità verso i padroni, preferendo le loro gambe ad un cuscino morbido.

 

Le tante sfaccettature del suo mantello

Ogni gatto persiano ha i suoi tratti fisici caratteristici. Ciò che li rende unici è senz’altro il mantello, che si colora in ogni esemplare di splendidenote cromatiche che vanno dal bianco all’arancio, dal grigio al nero, con sfumature degne di una tela disegnata a mano. Il pelo è folto e molto morbido al tatto: sembrerà di accarezzare un peluche!

I colori variegati della sua pelliccia si incrociano perfettamente con la brillantezza del colore degli occhi, prevalentemente chiari dal riflesso lucente. Il taglio degli occhi di un gatto persiano è grande e rotondo, ma indice di un’espressività davvero unica.

 

Come fare per mantenere morbida la sua pelliccia

Uno dei dubbi che scuote chi adotta un cucciolo di gatto persiano è come mantenere morbida e folta quella pelliccia che tanto lo caratterizza. Ecco qualche consiglio per non fargli perdere la lucidità e la sua bellezza.

1° Passo

Innanzitutto è opportuno spazzolarlo almeno una volta al giorno: oltre a creare un momento speciale con l’animale, si ottiene lo scopo di evitare la perdita superflua di pelo anche in giro per la casa. Attenzione però a scegliere le spazzole giuste! Le setole devono essere morbide al punto giusto per non risultare fastidiose per il tuo amico peloso.

2° passo

Ricordati di lavare periodicamente il tuo gatto. Un pelo così raffinato deve essere curato adeguatamente per non diventare arido e ruvido e ogni tanto un bel bagno con un detergente delicato per animali può essere davvero un toccasana.

3° passo

Anche l’alimentazione gioca un ruolo decisivo nella cura del mantello felino: non dare mai da mangiare cibo di scarsa e indubbia qualità, perché un gatto di razza ha delle necessità particolari e potrebbe anche avere delle conseguenze nella sua salute.

Come quelli di altre razze, anche i gatti persiani amano i croccantini. Naturalmente in commercio ci sono moltissime marche, ma bisogna prestare attenzione a quelle più idonee per il nostro quattro zampe. La dieta del felino che abbiamo scelto in casa è più minuziosa e richiede un certo apporto proteico che deve in qualche modo essere superiore a quello dei carboidrati.

 

Cosa può mangiare il gatto persiano?

Nella sua dieta è sicuramente consigliato inserire la verdura, che però se data in quantità eccessiva può avere delle controindicazioni per la salute del gatto. I medici veterinari sconsigliano per ogni razza di gatto l’uso del latte vaccino e consigliano, soprattutto per i gatti persiani, di alternare quotidianamente il cibo umido con quello secco, per dargli il giusto bilancio idrico.

 

La salute del persiano: Alcune cose da sapere

In generale la paura che possa soffrire di problemi renali è piuttosto comune in ogni razza. Nel persiano, però, è uno dei rischi con minore percentuale. Bisogna invece fare attenzione ai probabili problemi respiratori. Per la sua naturale forma fisica, il persiano ha un naso più piccolo e questo gli provoca qualche disagio in più in caso di colpi d’aria e umidità.

Pare che anche il cuore dei gatti persiani sia abbastanza delicato a causa della conformazione fisica prima descritta. E così può capitare in alcuni casi che i maschi della specie sviluppino forme di cardiomiopatia che influiscono sul funzionamento dell’organo vitale. Ma niente paura! Le percentuali di casi sono molto basse e si possono curare se diagnosticate per tempo.

 

Una razza pigra… ma non troppo

gatto persianoSi dice che il gatto persiano sia una razza molto pigra. Ma sarà davvero così? In realtà è nella natura del gatto amare il dolce far niente e le coccole, e come tale, anche il persiano non è esente da questa prerogativa. In questo particolare esemplare, però, la tranquillità con cui si muove e gestisce le sue giornate possono trarre in inganno e lasciare pensare che sia un gatto essenzialmente pigro. Ciò che è certo è che è un ottimo animale da compagnia!

Comunque come ogni gatto, anche il persiano ama giocare. Non ama i giochi troppo rumorosi e si stanca presto del suo intrattenimento, ma è agile e curioso come qualsiasi altro felino. Rispetto ad una razza meticcia forse farà meno salti e acrobazie, ma ciò dipende anche dalla sua conformazione fisica che lo limita nei movimenti prolungati.

 

Lo sapevi che…

Una delle curiosità che riguardano i gatti persiani è la sua origine. Si narra che arrivi direttamente dal territorio iraniano e sia poi arrivato in Europa per mano dell’uomo, che lo ha fatto incrociare ad altre razze forgiando quel suo essere così pregiato di cui è impossibile non innamorarsi!

Anche i regali nel passato non hanno potuto fare a meno di amare la razza persiana. Considerata pregiata e raffinata, era un vanto per aristocratici del passato possedere uno o più esemplari di persiano. Tra questi spicca la regina Vittoria, che ha allevato in casa sua moltissimi di questi felini dal manto peloso e sofisticato. Ancora oggi è considerato un gatto regale: il suo aspetto così fiero e il carattere docile non possono che spiegarne le ragioni.



Cerchi un cucciolo di gatto Persiano?
CONTATTACI ORA!

Clicca sul pulsante “Invia Messaggio” che trovi qui sotto

(Verrai reindirizzato sulla nostra chat di WhatsApp, tramite la quale potrai farci le tue domande).

Sarà nostra premura risponderti tempestivamente.